Rileggo un mio vecchio post che risale a quasi due anni fa, pubblicato e poi cancellato. L’avevo scritto per me, come se stessi parlando allo specchio e credo si capisca.

Nel leggerlo provo compassione per la me di allora, per lo sconforto che provavo e per la speranza che nutrivo nel voler veramente cambiare direzione.

E’ un post molto intimo ma oggi lo voglio rendere pubblico perché possiate anche voi soffermarvi un attimo sui vostri momenti più difficili ormai passati, per guardarli amorevolmente, perdonarvi errori e incapacità e ricordarvi che stavate dando il meglio che potevate dare.

Ciò che siete oggi, ciò che avete realizzato ed ottenuto, è il frutto di quanto avete fatto,deciso,agito ieri. Ma ricordatevi che ogni giorno è ieri, è oggi ed è anche domani. Ogni giorno è qui e ora.

Just be


Ecco il post:

Riparto da me…

…nutrendo le mie capacità, i miei bisogni, le mie aspirazioni…

L’obiettivo è questo.

Ho disperso tante energie senza beccare il centro, a volte senza neanche mirarlo poiché mi sono distratta durante il tiro. Altre volte non ho neanche tirato sul tabellone, non l’ho proprio visto!

Ieri sera, poco prima di andare a dormire, ho avuto uno di quei momenti in cui avverto una chiarezza mentale e una sicurezza estreme, ho compreso una cosa importante riguardo me stessa:

ho capito quali sono le motivazioni di base, le spinte, per cui ho fatto e faccio le mie scelte e ho capito che c’è qualcosa da modificare, è necessario un cambio di priorità e di rilevanza.

Spesso ho scelto e agito per compiacimento, per paura di perdere, per paura dell’abbandono, per sentirmi dire “brava”, e va bene, ci sta, ogni fase della vita ha un suo perché

Ma adesso la fase si è conclusa ed è ora di passare al livello successivo!